Piero Umiliani - Il Sito Ufficiale


Vai ai contenuti

Piero Umiliani

Bio e News


Piero Umiliani, diplomatosi in contrappunto e fuga nel 1952 al Conservatorio Luigi Cherubini di Firenze.

Piero Umiliani nasce a Firenze il 17 luglio del 1926. A cinque anni scopre il pianoforte del nonno materno e una zia insegnante di musica gli impartisce le prime lezioni. Lui, appena può, strimpella le note di "Pippo Non lo Sa" di Gorni Kramer, il primo brano che ha ascoltato alla radio. A sedici anni inizia la carriera giornalistica per il quotidiano "Il Nuovo Giornale di Firenze", esperienza che gli procura soddisfazione ma anche qualche guaio quando in un articolo elogia la musica jazz americana, a quei tempi avversata e definita nel migliore dei casi "negroide". Il maestro Pippo Barzizza che in quegli anni trasmettteva da Radio Firenze i successi americani spacciandoli per brani italiani con titoli inventati ad hoc, legge l'articolo e vuole complimentarsi con l'autore, ovviamente in gran segreto.
L'appuntamento è negli auditori della Rai dove un emozionatissimo Piero ascolterà Il maestro Barzizza dirigere
"Il Ruggito della Tigre" che altro non era che la celebre "Tiger Rag". Avrebbe ancora voluto scrivere di musica ma la carriera di cronista viene interrotta bruscamente dallo scoppio della seconda guerra mondiale. In quegli anni bui, mentre il padre Guido ascoltava Radio Londra, Piero, anzi Pierino come lo chiamavano tutti, preferiva sintonizzarsi sulla Svizzera la cui radio nazionale dedicava ogni sera una mezz'ora a Duke Ellington. La passione era nata, ma recuperare quei dischi, in particolar modo "Mood Indigo" era quasi impossibile, al punto che molti negozianti cacciavano via i ragazzi che solo osassero chiedere "quella robaccia".

Piero Umiliani in studio di registrazione a metà degli Anni '60. La sua filmografia supererà i 150 titoli.


THE PIANO PLAYER


Nel 1944, con l’arrivo degli alleati, trova lavoro improvvisandosi pianista in un club frequentato da americani, con lo stesso spirito dei suoi compagni d’università che si impegnavano nei mestieri più disparati pur di guadagnare qualcosa. Laureatosi in giurisprudenza nel 1948 all’Università di Firenze, più per rispettare una volontà dei genitori che per vocazione, si iscrive al Conservatorio Luigi Cherubini dove si diploma in Contrappunto e Fuga nel 1952.
Quello che sembrava essere partito come un espediente in attesa che il giornale riaprisse dopo la fine del conflitto, diventa il suo destino professionale e artistico.

La vicinanza con gli americani e la scoperta della loro musica danno un contributo determinante alla sua formazione come pianista jazz e nel 1951 si sposta più volte a Milano per incidere due dischi per la Durium, i primi in stile bebop mai registrati in Italia, ("Formula", "Mam Bop", "Papirologia" e "Intrabop" i titoli dei brani), patrocinati dall'Associazione Amici del Jazz di Gianfranco Madini e accompagnato da Oscar Valdambrini, Gianni Basso, Beppe Termini e Rodolfo Bonetto.
Sono dischi a 78 giri, stampati in pochissime copie, con i titoli scritti a penna e la numerazione di catalogo apposta con un timbro, ma sono un capitolo fondamentale per il jazz
Made in Italy. Per Piero è giunto il momento di ampliare le esperienze musicali e l'occasione gli capita con un ingaggio internazionale.
Nel 1954 Piero e altri amici jazzisti partono per la Norvegia dove suoneranno per oltre sei mesi nei locali di Oslo. La jazz band dei
Masseglias (dal cognome di Aldo Masseglia, violinista e fondatore del gruppo) si guadagna una certa notorietà e i quotidiani locali non si lasciano sfuggire i quattro italiensk che suonano classici italiani e standard del jazz americano.

JAZZ A CINECITTA'


Dopo l'esperienza norvegese tornerà a Firenze solo per un breve periodo per poi trasferirsi a Roma, incoraggiato anche da Claudio Gambarelli, primo editore a stampare brani di sua composizione per complessi di jazz. La capitale d'Italia (...e del cinema italiano) lo accoglie nella maniera migliore. I fratelli Paolo e Emilio Taviani gli affidano le musiche del loro documentario Pittori in Città, prima esperienza di musica per immagini per il musicista. Ma è solo l'inizio. Nel 1958 il regista Mario Monicelli lo contatta per la composizione della colonna sonora del film I Soliti Ignoti. Non si tratta di una colonna sonora qualunque ma della prima colonna sonora italiana interamente jazzistica. Il film sarà candidato all'Oscar nella sezione film in lingua straniera e anche se la statuetta andrà "Mon Oncle" di Jacques Tati, si apre una nuova era per Umiliani e per il mondo delle colonne sonore. Il filo rosso tra jazz, cinema e il maestro fiorentino prosegue con titoli quali L'Audace Colpo dei Solti Ignoti (1958), dove irrompe la tromba di Chet Baker, con Smog (1962) sempre con Baker e la grande vocalist Helen Merrill, Una Bella Grinta con il sax di Gato Barbieri e Accattone di Pier Paolo Pasolini dove Umiliani collabora con il maestro Rustichelli e si ascolta il sassofono di Ivan Vandor. La versatilità di Umiliani lo porta a confrontarsi con tutti gli stili musicali lavorando con grandi registi per film di ogni genere. Arrivano così le musiche per Il Vigile (1958) di Luigi Zampa con Alberto Sordi, A Cavallo della Tigre (1962) di Luigi Comencini con Nino Manfredi, La Celestina P.R. di Carlo Lizzani nel 1964. In quello stesso anno Umiliani che si era appena aggiudicato il premio della critica per il miglior disco italiano di jazz con "Piccola Suite Americana", fonda l'etichetta discografica Omicron con la quale produce i primi tre dischi di una lunga serie sonorizzazioni, album destinati all'utilizzo come sottofondi per produzioni radiotelevisive. Il secondo di questi, intitolato Musica per Due contiene "Chanel" brano che il pianista Oscar Peterson inserisce nell'album Soft Sands, sempre del 1964.

Firenze, 1946. Piero Umiliani al pianoforte suona in una sala da ballo per i militari della Militar Police americana.

In treno in uno dei suoi primi viaggi a Roma, dove si stabilirà definitivamente nel 1954 e troverà il successo.

La partitura originale di Gassman Blues, uno dei brani principali della colonna sonora de ''I Soliti Ignoti''.

Piero Umiliani e Vittorio Gassman provano insieme per lo show ''Il Mattatore'' andato in onda sulla RAI nel 1959.


TV, CULT MOVIES & MUPPETS' SHOW


Tra la fine dei '60 e per tutti i '70 Umiliani lavora per film oggi di culto quali
5 Bambole per la Luna d'Agosto di Mario Bava con Edwige Fenech, La Ragazza dalla Pelle di Luna di Luigi Scattini con Zeudi Araya e Svezia, Inferno e Paradiso sempre di Luigi Scattini per il quale Umiliani compone la celebre "Mah Nà Mah Nà", sino a La Pupa del Gangster con la coppia eccellente Marcello Mastroianni e Sofia Loren per la regia di Giorgio Capitani.
Sin dai tempi dei primi successi discografici il maestro inizia a lavorare per la radio e per la televisione. Tra le prime esperienze c'è il Festival di Sanremo del 1957 dove partecipa nella sezione "liberi autori" per poi passare alla direzione musicale de il Mattatore con
Vittorio Gassman nel 1960. Negli anni successivi conduce le trasmissioni Moderato Swing (1961) e Fuori l'Orchestra (1963) che portano il jazz in tutte le case degli italiani, senza contare le innumerevoli sigle per trasmissioni di ogni genere. E sarà la televisione a far scalare a Umiliani le classifiche di tutto il mondo quando "Mah Nà Mah Nà" diventa nel 1969 sigla del celebre show Muppets Show, i pupazzi creati da Jim Henson.
Alla fine la sua carriera conterà oltre 150 colonne sonore, senza considerare i documentari, i lavori teatrali e e televisivi. Grande appassionato di strumenti ne colleziona da ogni parte del mondo e, nel 1970, si avvicina, tra i primi in Italia, al Moog e ad altre tastiere elettroniche. Le sue sperimentazioni, in anticipo coi tempi, non trovano l'appoggio delle case discografiche nazionali e quindi Umiliani produrrà in proprio alcuni dischi come
Omaggio ad Einstein, Tra Scienza e Fantascienza e Synthi Time, L'Uomo e La Città, che ancora oggi suonano di incredibile attualità, divenuti oggetti di venerazione tra i collezionisti e in alcuni casi ristampati in formato CD dall'etichetta milanese Right Tempo. I nomi più grandi della cultura italiana si sono rivolti ad Umiliani per le collaborazioni più disparate. Cesare Zavattini realizza con lui il docu-film I Misteri di Roma, Pier Paolo Pasolini scrive i testi di canzoni musicate da Umiliani per Laura Betti, Dino Buzzati lo cerca per le musiche di una commedia teatrale. Alla fine del 1982 Umiliani decide di dare una svolta alla carriera, vuole tornare a suonare dal vivo con una Big Band in giro per l'Italia, portare il jazz verso il grande pubblico come fecero in America Duke Ellington e Count Basie.
Questo entusiasmante progetto purtroppo non si realizzerà. In un pomeriggio di febbraio del 1984, Piero Umiliani viene colpito da un ictus mentre si stava tornando dagli studi RAI di Via Asiago dopo un'intervista radiofonica.

Vita e carriera sembrano finite ma non sarà così.

Piero Umiliani protagonista e conduttore della trasmissione ''Fuori l'Orchestra'', trasmessa dalla RAI nel 1963.

Piero Umiliani nello studio della sua abitazione romana nel quartiere della Balduina in una foto della metà degli Anni '60.

Il regista Luigi Scattini, Zeudi Araya e Piero Umiliani nel 1972 in sala di incisione per la colonna sonora de ''La Ragazza Fuoristrada''.

Piero Umiliani al pianoforte nel borgo medievale di Ceri (Rm) nel 1990, l'anno del suo rientro sulla scena.


LOUNGE MAESTRO


Dopo un lungo periodo di riabilitazione si riavvicina alla musica o, forse, è la musica a riavvicinarsi a lui. La riscoperta della
lounge music, il revival delle colonne sonore del cinema italiano Anni 70 "sdoganato" dal regista americano Quentin Tarantino, fan dichiarato delle musiche di Umiliani, coincidono con il ritorno sulle scene, seduto a quel pianoforte che, tasto dopo tasto, lo ha fatto rinascere. Concerti, riedizioni e riscoperte dei suoi dischi, partecipazioni a festival internazionali riportano in auge la musica del maestro. Il suo amore però rimane il jazz e, nel 1991, esce un nuovo disco in studio, Umiliani Jazz Family, che segna il debutto della figlia Alessandra come vocalist e vede insieme al maestro la tromba di Paolo Fresu, il basso di Giovanni Tommaso e la batteria di Gianpaolo Ascolese.
Di lì a breve gran parte del catalogo discografico tornerà d’attualità con le edizioni delle etichette
Right Tempo, Cinevox, GDM, Cam e Cinedelic.
La modernità della sua musica consente ai dee jays di tutto il mondo di scoprire gemme oscure nell’immenso repertorio di colonne e sonore e sonorizzazioni. I pubblicitari si rincorrono per aggiudicarsi i suoi temi per gli spot e artisti quali gli
High Llamas, Cinematic Orchestra, Bentley Rhythm Aces, Pizzicato Five, Gak Sato, Kid Loco, DJ Spooky - solo per citarne alcuni - remixano, campionano e reinterpretano i suoi brani, ballati nei club di tutto il mondo.
La nuova carriera di Umiliani prosegue sino al febbraio del 2001 quando viene improvvisamente a mancare.
La sua musica però continua, inarrestabile, ad affascinare il mondo. Il respiro internazionale delle composizioni di Umiliani trova ancora conferma nel 2005 quando
Steve Soderbergh inserisce il brano "Crepuscolo sul Mare" nella colonna sonora del film Ocean's Twelve con George Clooney e Brad Pitt, l’anno successivo la BBC gli dedica uno speciale radiofonico in due puntate e alla Casa del Jazz di Roma la formazione del pianista Enrico Pieranunzi celebra il maestro con la serata Omaggio a Piero Umiliani nell'ambito della Festa del Cinema 2006.
Nel 2007 il gruppo inglese dei
Cake realizza nel 2007 una versione pop-rock di "Mah Nà Mah Nà" inserita dal New York Post tra le migliori quindici cover mai realizzate nella storia della musica e nel giugno del 2008 nell'ambito del Ravenna Festival, l’Antonello Vannucchi Octet - formato in gran parte da musicisti dell’orchestra di Umiliani - si esibisce sul palco del Teatro Socjale in una serata dedicata interamente alle musiche del maestro.
Il 2009 segna il ritorno alla grande popolarità di
"Mah Nà Mah Nà", video della Walt Disney Pictures legato alla colonna sonora del film Maga Martina e il Libro Magico del Draghetto ( Lilly the Witch: The Dragon and the Magical Book), produzione internazionale affidata al regista premio Oscar Stefan Ruzowitzki.

Home Page | Bio e News | Colonne Sonore | Music, Maestro! | Mah-Nà Mah-Nà | TV e... | Slide Show | E Mail / Credits | Mappa del sito


Progetto e realizzazione a cura di Francesco Argento © 2009 - 2015 Risoluzione consigliata 1.280 x 800 pixel

Torna ai contenuti | Torna al menu